mercoledì 29 giugno 2011

IL COLLOQUIO-GLI SVILUPPI

Come promesso devo finire di raccontarvi il colloquio che da qualche tempo mi fa accellerare il battito cardiaco ogni volta che squilla il telefono e poi è sistematicamente mia madre...arghhhhhhhhhhhhhh!!!!

Allora avevamo detto che mi avevano richiamato nonostante le rivelazioni shock fatte alla psicologa e al titolare dell'azienda, nonstante la maglia con gatto...Ecco secondo me mi hanno richiamata perchè la psicologa voleva davvero scrivere un libro su di me!!!

L'appuntamento era alle 16,30 quindi io per i soliti 100 km, vista l'efficienza dei mezzi pubblici italiani, sono partita alle 12,30 con un ricco pranzo a base di zucchine lesse e tonno a naturale...ecco peccato che il tutto non fosse esattamente ben scolato e visto che ho mangiato sul treno una grossa quantità di liquido verde si è riversata sui miei pantaloni bianchi lasciando un magnifico alone giallognolo...tanto per iniziare alla grande!!!

Appena arrivata ho fatto una puntatina in profumeria...avevo un buono sconto e un omaggio da ritirare, era peccato non approfittarne!!!

Quindi con un alone giallo sui panaloni e una borsa piena di creme,cremine e olii e un caldo africano sono andata a prendere il tram...e di nuovo "andate al mare!!!ma dove portate i bambini nel carrozzino alle 15,30 con 50 gradi all'ombra? E perchè guardate tutti la macchia sui miei pantaloni?"

Sono arrivata alle 16,00...che poi va bene arrivare in anticipo? Non lo so, io comunque ho suonato...se fossi rimasta sotto il sole per mezz'ora sarebbe rimasto solo l'alone...

Sono entrata e la psicologa era lì, ad apettarmi tutta fresca...mentre a me lo shock da aria condizionata aveva causato una paresi facciale e cervicale...
Una volta accomodata mi dice che mia aveva convocata perchè le faceva estremamente piacere rifare una chiacchierata con me!!!

Ecco lo sapevo, sono un caso di studio...

"Dottoressa si sente bene??"
"Eh come no sto sudando freddo, mi si è bloccata la cervicale..."
"Si si.."

"Allora le dicevo, lei mi è piaciuta molto...ma devo scegliere tra lei e un'altra persona quindi volevo rivederla..."

SCELGA ME,SCELGA ME!!!! intanto con la mono coprivo la macchia e facevo la faccia dolce...
poi mi ha congedato dicendo che era una scelta difficile...

MA SE MI DAI L'INDIRIZZO DI QUEST'ALTRA IL PROBLEMA TE LO RISOLVO IO!!!

E al solito "le faremo sapere..."
E l'alone non s'è tolto....ok diciamo che fino a che non toglie ho speranze che mi chiamino...

12 commenti:

Alamuna ha detto...

:D questo racconto mi è piaciuto troppo! :DDD
Hai fatto proprio la faccina del gatto di Shrek?? :D

Aliღ ha detto...

Coraggio, vedrai che alla fine ti assumeranno! Incrocio le dita per te!!

Francesca ha detto...

Sempre divertenti i tuoi racconti... ma trattandosi anche della realtà ti auguro di avere fortuna!

Pri ha detto...

Incrociniiiii!!! Dai, dai, manda un po' di iella alla rivale!! :D

Kylie ha detto...

Incrocio le dita per te!

MadiS ha detto...

dita incrociate.... ^__^

Chiaretta ha detto...

Senti tesò! Ma un normalissimo panino con la mortazza nooo?? :P Comunque arrivare in anticipo sì, magari di 10 minuti! Certo però se rimanevi al sole ti squagliavi! Dai continuiamo a incrociare le dita per te e se scopri l'indirizzo "dell'altra" faccelo sapere che ti diamo una mano! Ps: bellissimo il gatto di Shrek che fa gli occhioni! Aahhahah

Marianna ha detto...

ahahah Primo ti stavo per fare la stessa domanda di Chiaretta,e secondo io sarei andata in uno dei mille negozi di Termini per comprare una gonna per cambiarmi, Tu invece sei una grande Temeraria sei andata con la macchia e questo vedrai ti premierà.. Intanto tengo dita delle mani e dei piedi incrociate per TE! Forza SECONDOBINARIO sei tutte NOI!

Nussy ha detto...

Incrocio le dita anche io, certa che andrà bene, perchè la faccia da gatto con gli stivali, se fatta a mestiere, funziona sempre!!!

serena ha detto...

ti fanno allungare il collo, ma andrà tutto bene,
incrocio tutte le dita che ho.
ciao un abbraccio

Mandorlamara ha detto...

incrociamo le dita dai!!
Una volta avevo un colloquio di lavoro in un posto fighissimo.
Esco di casa, fresca come una rosa, tailerrino tacco, borsa, capelli lavati di fresco, trucco leggero.
Era primavera.
Una giornata splendida.
A circa 500 metri dall'ufficio dove mi aspettavano.. inizia il diluvio universale.
Ci mancava solo Noè guarda..
Sono arrivata li in condizione pietose...
Trucco scolato, rigoni di rimmel sulle faccia, capelli tipo lattuga dimenticata in frigo.. lasciamo perdere.
I pantaloni erano zuppi fino sopra al ginocchio.
I pesci nelle scarpe.


Che dovevo fare?
Ho sfoderato la mia migliore faccia di bronzo e ho fatto il colloquoi come niente fosse.

Alla fine il tipo mi fa:
"Ma.. piove fuori?"
e io.." No, sa sto adottando un nuovo look..."

:D

Bri ha detto...

ancora nessuna news? io tengo le dita incrociate...